Per maggiori informazioni contattare direttamente lo Studio Legale Gobbi

SI RIPARTE!🚀
Lo Studio già da giorni ha riaperto ai Clienti nel rispetto delle nuove disposizioni anti-covid 19.

Lo Studio ha adottato un Protocollo di Sicurezza a tutela dei Clienti e dei Collaboratori.

Gli ambienti sono igienizzati con prodotti professionali, prima e dopo gli incontri.
Pannello protettivo sulla scrivania.
All'ingresso si trovano: gel igienizzante, guanti, calzari monouso, termometro ad infrarossi per la misurazione della febbre.
Obbligo di mascherina.
Si riceve solo su appuntamento.

Rispetto per il Cliente e Professionalità.

Avv. Fabrizio Gobbi
... See MoreSee Less

Guarda su Facebook

STOP FORZATO PER AZIENDE E NEGOZI: 🚫🏪
COSA FARE PER L’AFFITTO?

Molte attività dai primi Marzo sono chiuse a causa dell’emergenza Covid-19.
Ora per molti iniziano le difficoltà a far fronte al pagamento dei canoni di locazione.

Il conduttore di un locale, invocando l’art.1256 del Codice Civile, può chiedere al locatore di prorogare la scadenza del pagamento dei canoni senza addebito di interessi o di altre penalità.
Le parti possono quindi concordare una proroga solo per un determinato periodo, trascorso il quale verrà eseguito il versamento di quanto dovuto.

In alternativa, il conduttore potrà chiedere la riduzione del canone per tutto il periodo in cui rimarranno in vigore le limitazioni per gli esercizi pubblici ovvero fino alla ripresa delle attività.
Oppure può optare per una definitiva riduzione del canone fino alla scadenza naturale del contratto, considerato che le conseguenze della crisi non cesseranno con la fine dell’emergenza.
Queste ipotesi trovano sostegno nell’art.1467 del Codice Civile che prevede la possibilità di domandare al risoluzione del contratto se è diventato troppo oneroso per avvenimenti straordinari e imprevedibili.

Per maggiori chiarimenti, contatta lo studio!📧📞
... See MoreSee Less

Guarda su Facebook

EXPO DUBAI VERSO IL RINVIO 🇦🇪

Considerata la situazione di emergenza sanitaria globale, era inevitabile che al pari delle Olimpiadi di Tokyo, anche l'Expo atteso per Ottobre a Dubai, venisse rinviato al 2021.

Il BIE (Bureau International des Expositions) ha accolto la richiesta del governo Emiratino di posticipare l'Expo.
Già un mese fa i 32 membri del Comitato Direttivo avevano chiesto al governo stesso un rinvio di un anno.
Manca solo una votazione ma già si parla delle nuove date: dal 01 Ottobre 2021 al 31 Marzo 2022.

Intanto i lavori nei Padiglioni proseguono.. 🏗💯
... See MoreSee Less

Guarda su Facebook

Auguri di un serena Pasqua 2020!🐣 ... See MoreSee Less

Guarda su Facebook

“COSA FACCIO SE L’ORDINE FATTO ONLINE NON ARRIVA”? 🛒💻

Siamo a casa in quarantena. Il commercio online è notevolmente aumentato. Ho finalmente acquistato quel prodotto che volevo da tempo…attendo la consegna ma non arriva. Che faccio❓

Per prima cosa bisogna contattare il venditore o la piattaforma intermediaria (i noti Amazon o Ebay ad esempio) per capire se c’è un ritardo, una difficoltà nella consegna o altro.📧
Questa comunicazione fatta via mail ci garantirà di avere un’ulteriore prova del contratto di acquisto, oltre all’avvenuto pagamento del prodotto eseguito al momento dell’ordine.
Se non si ottiene risposta, occorre scrivere una lettera di diffida via pec direttamente alla sede legale dell’azienda venditrice del nostro prodotto, dandole 15 giorni per adempiere al contratto di vendita, ossia la consegna della merce ordinata!
Se nemmeno la diffida riuscirà a farci ottenere l’oggetto tanto voluto, occorrerà far causa alla ditta venditrice per inadempimento contrattuale.⚖️

E’ importante leggere bene le condizioni generali di vendita che dobbiamo trovare nel sito di e-commerce.
⚠️Se il venditore online non prevede un termine di consegna, la merce pagata va consegnata entro 30 giorni.
Scaduto questo termine, il compratore potrà optare per il recesso dal contratto, ottenendo la restituzione del denaro pagato, rinunciando al bene, oppure, attendere la consegna del prodotto ma chiedere una riduzione del prezzo nel caso in cui il ritardo della consegna abbia causato un danno specifico.

Le piattaforme intermediarie offrono agli utenti la possibilità di scrivere direttamente al venditore, svolgendo così un ruolo di “supervisore” sulla compravendita e sul disguido in corso.
... See MoreSee Less

Guarda su Facebook

DALLE SANZIONI PENALI ALLE SANZIONI AMMINISTRATIVE 👨‍✈️⚖️

Altro decreto. Altra novità normativa.
Il D.L n.19 del 25 Marzo 2020 ha di fatto introdotto una vera e propria depenalizzazione.

Pertanto, chi viola i divieti di spostamenti e le altre restrizioni dettate dall’emergenza Covid-19, sarà soggetto ad una sanzione amministrativa e non più penale.
Una “multa” che va da un minimo di € 400 ad un massimo di € 3.000, pena aumentata fino ad un terzo per chi si sposta con un veicolo e raddoppiata in caso di recidiva.
In quanto illecito amministrativo sarà possibile il ricorso al Giudice di Pace e lo sconto del 30% in caso di pagamento anticipato.

Che fine fanno le vecchie denunce?
Il D.L. è intervenuto anche su questo aspetto. Tutte le violazioni contestate fino al 25 Marzo saranno punite con la nuova sanzione amministrativa introdotta “nella misura minima ridotta alla metà”, pertanto € 200. Considerando la possibilità di fruire della riduzione del 30%, la sanzione finale sarà di € 140.

Quindi stop al procedimento penale per il reato di cui all’art.650 C.p. anche per le violazioni già commesse.
Rimane invece applicabile il grave reato di procurata epidemia punito con la reclusione da 1 a 5 anni.

Ti invito a seguirmi anche su Linkedln e Instagram
... See MoreSee Less

Guarda su Facebook

CAMBIA IL TERMINE PER PAGARE LE MULTE CON IL 30% DI SCONTO

Le multe stradali si possono pagare con lo sconto del 30% entro 30 giorni contro i consueti 5 giorni.
Attenzione: solo se le ricevete nel periodo di emergenza Covid-19!
Lo stabilisce la Circolare del Ministero dell’Interno del 24/03/2020 che chiarisce le numerose norme del D.L. “Cura Italia”.

Le sanzioni contestate direttamente al trasgressore o notificate tra il 16 Febbraio e il 31 Maggio 2020, potranno essere pagate nel più lungo termine di 30 giorni beneficiando dello sconto del 30% sull’importo sanzionato.
Il conteggio dei 30 giorni è altresì sospeso dal 10 Marzo al 03 Aprile, salvo ulteriori proroghe. Per cui, i 30 giorni andranno calcolati a partire dal 04 Aprile se la multa ricade nel periodo di sospensione di cui sopra.
Ciò tuttavia non vale per le violazioni che comportano la sospensione della patente di guida o la confisca del veicolo.

La sospensione dei termini è prevista anche per le notifiche dei verbali e la presentazione dei ricorsi avverso le sanzioni. Pertanto, i giorni compresi tra il 10 Marzo e il 03 Aprile, non vanno calcolati per i tempi previsti per la notifica (90 o 360 gg) né per quelli necessari per fare ricorso (30 o 60 gg).

Vista l'emanazione quasi giornaliera di nuove normative...
let's stay tuned!😉
... See MoreSee Less

Guarda su Facebook

A COSA VADO INCONTRO SE ESCO SENZA AUTORIZZAZIONE?

Ovviamente mi riferisco all’attuale difficile situazione e a quanto prevede il D.L. n.6/20 convertito nella L. n.13/2020 e quindi ai reati previsti: 650 e 438 Codice penale.

Il 650 punisce chi non osserva un #provvedimento legalmente dato dall’Autorità con l’arresto fino a 3 mesi o con l’ammenda fino ad € 206,00. Tale reato, procedibile d’ufficio e di competenza del Tribunale monocratico, consente il rito dell’oblazione che riduce alla metà la somma pecuniaria da pagare “dando in cambio” l’estinzione del #reato.

Quanto al più grave reato di #epidemia ai sensi dell’art.438 C.p., anch'esso è procedibile d'ufficio e prevede invece la pena della reclusione. Si pensi, ad esempio, al soggetto #positivo al Covid-19 in quarantena “fiduciaria” che violi il divieto di allontanamento dalla propria abitazione e prenda la metro e contagi i passeggeri. Ovvero, il soggetto asintomatico posto in isolamento domiciliare che alla comparsa dei sintomi si rechi al pronto soccorso, senza mascherina, contagiando così le altre persone presenti e il personale sanitario.

La ratio di entrambe le norme, qui rapidamente discusse, è ovviamente la tutela della #salute pubblica.
Pertanto, osserviamo la legge e usciamo esclusivamente nei limiti in cui ci è consentito.
Per il resto si sta a #casa
... See MoreSee Less

Guarda su Facebook

INVESTI NEGLI EMIRATI ARABI UNITI